Occupazione suolo pubblico

Dal 1° luglio 2016 le richieste di occupazione di suolo pubblico, sia temporanee che permanenti, vanno indirizzate all'Ufficio Tributi e consegnate all'Ufficio Protocollo del Comune.

Le autorizzazioni/concessioni rilasciate potranno essere ritirate presso il sopraindicato ufficio Tributi durante l'orario di ufficio.

Quali occupazioni di suolo pubblico sono possibili

TEMPORANEE (di durata inferiore all'anno)

  • Installazione di ponteggi o altre attrezzature di cantiere (comunque di tipo tecnico, a servizio di un lavoro che non viene eseguito sulla strada quindi senza alterazione del suolo)
  • Occupazione connessa ad alterazione del suolo pubblico temporanea (esempio: per  riparazione di guasto su cavo)
  • Installazione provvisoria di arredi ed attrezzature a servizio di una attività commerciale o di altra attività, quali tavolini, fioriere, compresi stendardi pubblicitari e striscioni
  • Occupazioni per manifestazioni.

 PERMANENTI

  • Installazione definitiva di arredi ed attrezzature a servizio di una attività commerciale o di altra attività, quali tavolini, fioriere, tende,  padiglioni, pedane, insegne, faretti esterni per l'illuminazione
  • Passo carrabile
  • Impianti sotterranei o altri impianti.

 Chi rilascia le autorizzazioni

Le autorizzazioni e le concessioni sono rilasciate dall’Ufficio Tributi, previo parere di altri uffici competenti per le varie tematiche.
Per le occupazioni sulle strade regionali e provinciali e su quelle statali all'interno del centro abitato, è necessario richiedere (deve farlo direttamente il richiedente prima di richiedere l'autorizzazione comunale) il nulla osta alla Provincia di Campobasso per le strade regionali e provinciali, che deve essere esibito al Comune.

Come si richiede l'occupazione di suolo pubblico

Le richieste devono essere indirizzate all’Ufficio Tributi e presentate all'ufficio protocollo del Comune, almeno 15 giorni prima della data presunta di inizio dell'occupazione; l'autorizzazione (se non verrà negata) sarà quindi disponibile presso l’Ufficio Tributi entro il termine anzidetto.

Nel caso in cui sia necessaria l'emissione di un'ordinanza di divieto di sosta, l'autorizzazione e la copia dell'ordinanza relativa devono essere ritirate in tempo utile affinché l'autorizzato possa apporre la segnaletica di divieto di sosta necessaria, almeno 48 ore prima dell'inizio dell'occupazione.

Documentazione

  • planimetria  indicante il luogo dell'occupazione
  • disegno,  schizzo o dichiarazione del richiedente da cui possa rilevarsi lo spazio  di carreggiata minimo/massimo lasciato libero dall'occupazione richiesta
  • tutti i  dati del richiedente compreso un numero telefonico (che serve per comunicazioni urgenti).

Finché  il richiedente non ha ottenuto l'autorizzazione, NON E' AUTORIZZATO all’occupazione stessa e pertanto è soggetto a sanzione ai sensi del Codice della Strada.
Se è necessaria una ordinanza del Codice della Strada DEVE ESSERE APPOSITAMENTE RICHIESTA insieme all’occupazione.
La richiesta deve essere presentata in bollo da €. 16,00.

Dove si ritira l'autorizzazione

L'autorizzazione o la concessione si ritirano presso l’Ufficio Tributi; contestualmente il richiedente effettuerà il pagamento della TOSAP se l’occupazione è temporanea. In caso di occupazione permanente il richiedente compilerà un modulo disponibile presso l’Ufficio Tributi e il bollettino per il pagamento della tassa verrà recapitato successivamente al domicilio del contribuente.
L'autorizzazione o la concessione devono essere ritirate dal richiedente stesso o, se impossibilitato, da persona munita di delega scritta, di documento di riconoscimento valido e della fotocopia di documento di riconoscimento valido del richiedente.

Per ritirare l'autorizzazione necessario portare una marca da bollo da €. 16,00.

Come si richiede la proroga dell'autorizzazione

Qualora fosse necessaria una proroga dell'autorizzazione, la richiesta dovrà essere presentata presso l’Ufficio Tributi almeno 5 giorni prima della scadenza dell'autorizzazione originaria.
La proroga sarà quindi disponibile sempre presso l’Ufficio Tributi entro la scadenza dell'autorizzazione originaria.

La richiesta di proroga deve essere presentate in bollo da €. 16,00.
Per ritirare l'autorizzazione conseguente è necessario portare una marca da bollo da €. 16,00.

Altre informazioni importanti

L'apposizione della segnaletica a norma del Codice della Strada, della segnaletica di indicazione (divieto di sosta, divieto di transito, preavvisi di deviazione e simili) e quanto altro necessario a mettere in esecuzione l'occupazione, deve essere apposta e mantenuta dal richiedente sotto la propria responsabilità.
Nel caso di alterazioni stradali, il ripristino successivo della sede stradale costituisce occupazione di suolo pubblico a tutti gli effetti, che va richiesta nei modi suesposti, anche contestualmente alla domanda di autorizzazione all'occupazione di suolo pubblico per alterazione stradale.
Il periodo di tempo necessario per montare/smontare strutture temporanee quali giostre, tendoni, stands per sagre e simili, costituisce occupazione di suolo pubblico a tutti gli effetti e va previsto nella richiesta di autorizzazione all'occupazione di suolo pubblico.
Nel caso in cui il richiedente non possa iniziare l'occupazione di suolo pubblico (per avverse condizioni meteorologiche o simili) nel giorno indicato e quindi intenda domandare una posticipazione dell'occupazione stessa, deve darne comunicazione all’Ufficio Tributi il giorno stesso, tramite fax, telegramma o presentandosi di persona.

L'autorizzato deve esporre copia dell'autorizzazione presso l'occupazione di suolo pubblico.

Occupazioni d'urgenza

Per far fronte a situazioni d'emergenza o quando si tratti di provvedere alla esecuzione di lavori che non consentono alcun indugio, l'occupazione può essere effettuata dall'interessato prima di aver conseguito il formale provvedimento di autorizzazione e/o di concessione che verrà rilasciato a sanatoria.
In tal caso l'interessato ha l'obbligo di dare immediata comunicazione dell'occupazione all’Ufficio Polizia Municipale  e all’Ufficio Tecnico – Lavori pubblici.
L’interessato è tenuto inoltre a presentare domanda per ottenere il rilascio della autorizzazione e/o concessione “a sanatoria” entro 2 giorni dall'inizio dell'occupazione, all’Ufficio Tributi. Il Servizio competente provvederà ad accertare se esistevano le condizioni d'urgenza. In caso negativo verranno applicate le eventuali sanzioni di legge, nonché quelle espressamente previste nel presente Regolamento.
Per quanto concerne le misure da adottare per la circolazione si fa rinvio a quanto disposto a riguardo dall'art. 30 e seguenti del Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada.

Allegati

Tosap - Richiesta Permanente

Tosap - Richiesta Temporanea

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.